Porto di Mazara del Vallo
Condividi HOME VELA NEWS MEDITERRANEO CROCIERE ARCIPELAGHI

News    

.............SEGNALAZIONI E COMUNICATI STAMPA POSSONO ESSERE INVIATI ALLA NOSTRA REDAZIONE Fax +39-0931523287 Gli spazi pubblicitari su Harbours.net sono il metodo più efficace per dare maggiori possibilità alla vostra attività! Contattateci via e-mail (harbours@harbours.net) o telefonando al 3385684380..............

Mazara del Vallo è uno dei porti pescherecci più importanti d'Italia. Sono circa 350 i pescherecci d'altura che fanno base fissa in porto, per una popolazione di circa 4.000 pescatori imbarcati. E' una delle citta costiere siciliane con il più alto numero di immigrati dal nord-africa integrati da oltre 25 anni, hanno trovato posto nella pesca e nell'industria ad essa collegata, una città multietnica che conserva anche molte peculiarità del suo passato arabo. Mazara è famosa anche per il Satiro danzante una statua bronzea, di circa due metri, del periodo ellenistico, che è stata recuperata, da un peschereccio locale, a circa 480 metri di profondità nelle acque dello Stretto di Sicilia.

Hotel Mazara del Vallo

Informazioni varie/Port facilities
Meteo/Weather

Harbours.net - La guida ai porti di Sicilia


Tornano a Mazara i due marittimi del peschereccio sequestrato
06 ott - Arriveranno la prossima notte a Mazara del Vallo Giacomo Giacalone e Salvatore Calia, comandante e direttore di macchina del peschereccio mazarese Anna Madre sequestrato nella notte tra il 15 e il 16 settembre, in acque internazionali, da parte di militari tunisini. Hanno trascorso 20 giorni alla banchina del porto di Sfax, in Tunisia, di cui gli ultimi 13 passati praticando lo sciopero della fame. ...continua

Peschereccio sequestrato:verso soluzione
17 set - Potrebbe definirsi tra domani e martedì prossimo la vicenda del sequestro del peschereccio di Mazara del Vallo "Anna Madre", , da parte di militari tunisini, venerdì notte, in acque internazionali, con a bordo un equipaggio misto di marittimi siciliani e tunisini i cui familiari, a Mazara del Vallo, seguono con ansia l'evolversi dell'accaduto. E' quanto si apprende da ambienti della marineria di Mazara del Vallo. Ieri pomeriggio il peschereccio era stato trasferito dal porto militare di Sfax, dove era stato condotto dalle unità tunisine, a quello commerciale. Circa lo stato di salute dei componenti dell'equipaggio giungono notizie rassicuranti: ieri una delegazione dell'ambasciata italiana a Tunisi aveva fatto visita ai marinai.
L'armatore Giampiero Giacalone , nell'evidenziare che si sta lavorando a livello diplomatico per giungere al rilascio del motospesca e del suo equipaggio, ribadisce che a bordo si trovano "tre tonnellate di gamberi e cento chili di pesce misto, specie ittiche che non si pescano nelle acque tunisine e già questo dovrebbe indurre alla riflessione che il nostro equipaggio non pescava nelle acque tunisine dove si catturano triglie".

I Tunisini sequestrano un peschereccio a Sud di Lampedusa
16 set - Il peschereccio mazarese "Anna Madre" è stato sequestrato nella notte da una motovedetta tunisina mentre si trovava in acque internazionali, a sud di Lampedusa. (vedi immagine Marine Traffic a lato) "A bordo dell'imbarcazione sono saliti cinque militari tunisini armati che hanno rinchiuso in una cabina il comandante, Giacomo Giacalone, hanno assunto il comando e invertendo la rotta verso il porto di Sfax". A dare la notizia è Giampiero Giacalone, uno degli armatori dell'imbarcazione che appartiene alla società "Pesca giovane srl". Per il sindaco di Mazara del Vallo Cristaldi :"Questo sequestro è da esaminare a fondo perché ha tutta l'aria di una ritorsione". Mentre Giovanni Tumbiolo, presidente del Distretto della pesca e Crescita blu riferisce che :"Già ieri sera è stato attivato l'iter diplomatico del ministro degli Esteri per l'immediato rilascio.....continua

Coordinamento Mazara :"Avviare dragaggio in tempi brevi"
07 mar - Il coordinamento territoriale filiera ittica di Mazara del Vallo attraverso una nota inviata al ministero e agli assessorati locali ha invitato le autorità, ciascuno per le proprie competenze, a svolgere in tempi rapidi le attività concordate per il dragaggio del porto canale di Mazara del Vallo. "Nel frattempo - dice il coordinamento - in attesa dell'avvio dei lavori di dragaggio, permane lo stato di agitazione, già proclamato dal coordinamento territoriale filiera ittica Mazara, per la riaffermazione della dignità di tutti gli armatori, pescatori e operatori marittimi e portuali che subiscono da anni una insopportabile ingiustizia: la privazione della fonte principale di vita per loro e le loro famiglie, cioè l'uso del porto di Mazara, che ha contribuito al prosciugamento economico e sociale dell'intera città". Del Coordinamento fanno parte: Confederazione Imprese Pesca -Federpesca, Distretto della Pesca e Crescita Blu, Co.Ge.P.a. Mazara, Federazione Imprese Pesca Mediterranea-Coldiretti, Fiume Mazaro-UNCI Pesca, O.P. Il Gambero e la Triglia del Canale, FAI-CISL, FLAI-CGIL, UILA-UIL. “La riaffermazione - sostiene il Coordinamento in una nota - della dignità di tutti gli armatori, pescatori ed operatori marittimi e portuali che subiscono da anni una insopportabile ingiustizia: la privazione della fonte principale di vita per loro e le loro famiglie, cioè l’uso del porto di Mazara, che ha contribuito al prosciugamento economico e sociale dell’intera città”.


Hotel Mazara



Posizione Navi - Vessel position




E-Mail contact porti_sicilia@harbours.net
Web-Design and Services by © 1999/2017 Internet Network Solutions - Italy/UE - All Rights Reserved