Logo

Augusta : sbarcano 59 migranti, 3 i minori

L’arrivo è previsto alle 7 sulla banchina commerciale del porto di Augusta.L’operazione è monitorata dagli esperti del Gruppo interforze per il contrasto all’immigrazione clandestina.

 

Barca a vela trasportava migranti6 luglio 2018 – L’ imbarcazione a vela era stata individuata e segnalata ieri nel tardo pomeriggio in navigazione  ,nel mare Ionio, a largo delle coste siciliane. È subito scattata l’operazione congiunta tra Guardia Costiera e Guardia di Finanza per raggiungere e bloccare l’imbarcazione sospetta.

Agganciata la barca a vela è stato eseguito un controllo a bordo che ha permesso di scoprire il “carico”  umano dei disperati  che da un primo sommario controllo ha permesso di stabilire che si tratta di cittadini di nazionalità pakistana.

Alle  3.25 si è concluso il trasbordo dalla barca a vela a una motovedetta della Guardia costiera di Siracusa che ha fatto rotta sul porto di Augusta come stabilito dal Centro nazionale di soccorso. L’unità raggiungera’ il  porto commerciale di Augusta intorno  alle  8.30.

Le operazioni di aggancio e trasbordo dei migranti sono state rese difficoltose dalle avverse condizioni del mare nell’area .  La barca a vela è stata sequestrata ed è stata presa in consegna  da una motovedetta della Guardia di Finanza di Siracusa. Sarà trainata nel porto turistico di Marzamemi di Pachino  , al pontile del Circolo nautico ,dove sarà a disposizione dell’autorità giudiziaria.

L’operazione è stata seguita dagli esperti del  Gruppo Interforze Contro l’immigrazione della Procura della Repubblica di Siracusa, coordinato dal Vice Commissario di polizia  Carlo Parini . Si tratta dell’ennesima operazione preventiva al fenomeno dell’immigrazione clandestina  che confermerebbe un flusso alternativo di migranti sulla rotta Turchia-Sicilia, con l’utilizzo di barche a vela.

Probabilmente l’azione decisa del Governo Italiano contro il traffico di migranti provenienti dal Nord Africa e la chiusura dei porti alle navi Ong,  sta mettendo in difficoltà i trafficanti di disperati. Questo flusso dalla Turchia è meno alimentato. È organizzato con imbarcazioni a vela che dovrebbero passare più inosservate. Sono stati individuati due giovani  di probabile cittadinanza Lituana che potrebbero essere ,già oggi, rinchiusi in carcere per il reato di “istigazione all’immigrazione clandestina”.-2018 © www.harbours.net



Related Post

Redazione92

Utilizzando il sito, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo.

Chiudi