Porto di Augusta - Augusta's port news
HOME VELA NEWS ARCIPELAGHI CHARTERER/NOLEGGIO PORTI MEDITERRANEO




Harbours.net - La guida ai porti di Sicilia


Sede Autorità, interrogazione alla Camera : Prestigiacomo vs Delrio

1 febbraio 2017 - La vicenda del "decreto fantasma", che assegna a Catania la sede dell'autorità di sistema mare Sicilia Orientale, approda in aula. La deputata Stefania Prestigiacomo ieri pomeriggio , durante il question-time ha presentato una interrogazione a risposta immediata. "Al Ministro delle Infrastrutture e dei Trasporti, premesso che: in attuazione dell'articolo 8, comma 1, lettera f), della legge n. 124 del 2015 è stato emanato il decreto legislativo n. 169 del 2016, recante riorganizzazione, razionalizzazione e semplificazione della disciplina delle autorità portuali, che riduce le attuali 24 autorità portuali in 15 autorità di sistema portuale (AdSP);
il comma 3 dell'articolo 7 del decreto legislativo n. 169 del 2016 stabilisce che «sede della AdSP è la sede del porto centrale, individuato nel regolamento (UE) n. 1315/2013 del Parlamento europeo e del Consiglio, dell'11 dicembre 2013, ricadente nella stessa AdSP. In caso di due o più porti centrali ricadenti nella medesima AdSP il Ministro indica la sede della stessa»; l'allegato A del decreto legislativo prevede che i porti di Augusta e Catania facciano capo all'autorità di sistema portuale del Mare di Sicilia orientale, mentre i porti di Messina e Milazzo, rientrando nell'autorità di sistema portuale dei Mari Tirreno meridionale e Jonio e dello Stretto, dovranno far capo alla sede centrale di Gioia Tauro;
ad avviso dell'interrogante e contrariamente a quanto più volte dichiarato dal Ministro interrogato, è evidente come il riordino appena citato vada nella direzione opposta dell'efficienza; con decreto, non ancora pubblicato, del Ministro interrogato, Catania è stata istituita, per un periodo di 2 anni, come sede dell'autorità di sistema portuale del Mare di Sicilia orientale, rispetto all'originale previsione di Augusta, come stabilito nell'elenco pubblicato dal Ministero il 21 gennaio 2016; da una nota del Ministero delle infrastrutture e dei trasporti si apprende, altresì, che «la scelta su Catania è stata compiuta in seguito alla richiesta della Regione siciliana, cui è stata data risposta positiva, specificando che si tratta di sede transitoria per un periodo di non più di due anni»;
il presidente della Regione siciliana, in una nota protocollo n. 15404 del 12 settembre 2016 inviata al Ministro interrogato, ha richiesto di individuare nella sede della istituenda autorità di sistema portuale del Mare di Sicilia orientale quella dell'autorità portuale di Catania, essendo il «core del nuovo sistema portuale e logistico della Sicilia orientale»; come riportato dalle agenzie di stampa, il presidente della Regione siciliana ha poi smentito quanto riportato;
ad avviso dell'interrogante, la procedura appena esposta è caratterizzata da evidenti ambiguità da parte di tutti i soggetti interessati, che si smentiscono con dichiarazioni clamorosamente contrastanti". La deputata siracusana del Pdl ha chiesto "se il Ministro interrogato non intenda adottare le iniziative di competenza volte a ridefinire i criteri della riforma delle autorità portuali attraverso un confronto con le realtà coinvolte e i parlamentari rappresentanti del territorio
". Dopo la risposta del ministro Delrio che ha sostanzialmente sostenuto che "non ha importanza dove sia la sede" ribaltanto le responsabilità sulla Regione Sicilia che "con sue lettere ha richiesto che fosse Catania la sede, i documenti sono agli atti sul sito del ministero" . Nella replica Stefania Prestigiacomo ha incalzato il ministro :"Quello che lei dice è profondamente falso. Lei dispone dei bilanci il ministero dispone di una direzione molto qualificata ( il riferimento probabilmente è a Enrico Maria Pujia che è stato commissario dal 4/12/2013 al 16/11/2014 ndr) che può confermare che le attività nel porto di Augusta si sono fermati proprio a seguito dei commissariamenti operati dal suo Governo , perchè fin quando alla presidenza c'è stato un manager i finanziamenti sono arrivati.
Gli introiti sono precipitati negli ultimi anni
- ha sostento la deputata del PdL - Quindi lei sta dicendo una menzogna. Perché quando cita la deroga questa si riferisce nella legge a quelle autorità portuali che sono porto Core. Il porto di Catania, anche se città metropolitana, non è Core, invece Augusta si. Le sembra corretto espropriare il territorio della sede amministrativa? Per lei non sarà importante, per noi lo è così come è importante per il sindaco di Catania che si è a lungo battuto perchè la sede fosse trasferita nella sua città. per quanto riguarda la nota della Regione - ha continuato - i suoi uffici hanno le competenze per valutare le sciocchezze che sono state scritte in quel documento. lei evidentemente - ha concluso la deputata Prestigiacomo - ha voluto penalizzare il territorio con un sopruso che viola la sua stessa legge".
Appare evidente che l'intervento accorato della deputata siracusana a difesa del porto di Augusta confermano le tante incongruenza sull'asse Palermo-Roma che si rimpallano le responsabilità. L'azione in questi casi è fondamentale. Le chiacchiere di tanti parlamentari, della stessa parte politca del ministro e del presidente della regione, rimangono tali. Solo comunicati alla stampa. Mentre sarebbe più auspicabile che tutti i deputati regionali siracusani ,che mantengono in vita un Governo regionale che si basa anche su evidenti menzogne, stacchino la spina per dimostrare di avere a cuore il territorio.



Augustaonline ha tenuto conto del tempo trascorso dalla visita del ministro Graziano Delrio ad Augusta (20 giugno 2015). In quell'occasione Augustaonline.it ha chiesto chiarimenti sulla vicenda del lungo commissariamento della Port Authority megarese e se in agenda c'era la nomina della presidenza. Risposta :"Nei prossimi mesi faremo tutto....." Vedi video . Invece sono trascorsi inutilmente : - 2017 © www.harbours.net




E-Mail contact harbours@harbours.net
HTML and Services by © 1998/2017 Internet Network Solutions - Italy/UE - All Rights Reserved